CAVA D’ISPICA, CITTA’ DI MODICA, CAVA PRAINITO, CITTA’ DI ROSOLINI, CITTA’ DI ISPICA, CAVALCATA (7 NOTTI – 8 GIORNI)

470,00

Prezzo a persona: € 470,00
La tariffa include:

  • Sette notti in agriturismo.
  • Guida naturalistic per le escursioni alle cave
  • Degustazione di ricotta
  • Degustazione di olio e prodotti locali
  • Pesca sportiva
  • Lezione di cucina
  • Assicurazione
  • Brochures

La tariffa non include

  • Tutto ciò che non e’ espressamente indicato ne “La tariffa include”

Extra :

  • Guida turistica durante le escursioni e i tours (€. 30,00 a persona mezza giornata , €50,00 a persona intera giornata).
  • Lunch al ristorante bio a Vendicari: Opzione 1 : € 25,00 /Opzione 2: € 30,00
  • Pasti extra €. 20,00
  • Passeggiata a cavallo €. 30,00

Supplemento singola: € 140 (bassa stagione) – € 210,00 (alta stagione)

GRUPPO MINIMO 2 PAX

Alta stagione : Dall’ 1 Maggio al 30 Settembre
Costo extra € 10,00 ( A PERSONA , AL GIORNO) TOTALE € 70,00

COD: Pacchetto05 Categoria:

Descrizione prodotto

1° GIORNO

• Arrivo in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Incontro con il nostro assistente e rilascio dei voucher di viaggio.

• Incontro con la guida naturalista che ci porterà a scoprire la cava di Ispica, che si trova tra la città di Modica e la città di Ispica e si estende per 13 km. Scopriremo la necropoli preistorica, le catacombe cristiane e le unità abitative preistoriche.

• Degustazione di ricotta presso un caseificio locale.

• Nel pomeriggio visita alla suggestiva città di Modica, ben nota per il suo stile barocco, ma soprattutto perché è stata inserita nel patrimonio UNESCO nel 2002. Inoltre, Modica è ben nota per il suo cioccolato dal gusto piccante simile al peperoncino.

• Ritorno in agriturismo e pernottamento.

2°GIORNO

• Prima colazione in hotel. Incontro con la guida naturalistica per visitare la Grotta Prainito situata tra Modica e Rosolini dove ammireremo le tipiche “tombe a forno” risalenti all’età del bronzo.

• Visita ad un oleificio e degustazione dell’olio e di altri prodotti tipici locali.

• Nel pomeriggio visita alla città di Rosolini e al Castello di Platamone, costruita nel 1668.

• Ritorno in agriturismo e pernottamento

3°GIORNO

• Prima colazione in hotel e possibilità di fare passeggiate a cavallo lungo le incantevoli spiagge di Santa Maria del Focallo.

• Nel pomeriggio, visita al centro storico di Ispica, che è stata ricostruita dopo il terremoto del 1693. Qui ammireremo la chiesa di “Santa Maria Maggiore” e la cattedrale “Santissima Annunziata”. Inoltre, si visiterà un antico laboratorio. Lì, un produttore di pipe ci mostrerà l’antica arte della produzione di pipe di legno.

• Ritorno in agriturismo e pernottamento

4° GIORNO

La città di Ragusa, capoluogo dell’omonima provincia, sorge sulla parte meridionale dei Monti Iblei.
Definita come “l’isola nell’isola”, grazie al suo agiato contesto socio-economico, vanta un ricco patrimonio artistico-culturale, in gran parte risalente alla ricostruzione dopo il terremoto del 1693.
È stata dichiarata Patrimonio Unesco in quanto preziosa testimonianza dell’arte barocca.Circondata da una catena di colline verdi e attraversata dal fiume Irminio, la città è suddivisa tra la parte superiore moderna e la parte inferiore, detta Ragusa Ibla, sorta dalle rovine dell’antica città e ricostruita, dopo il terremoto, secondo l’antico assetto medievale.Il quartiere di Ibla, antico centro storico, offre oltre cinquanta chiese e numerosi palazzi nobiliari. Collocato su una collina, il piccolo borgo domina la vallata circostante, con le sue casupole e stradine sulle quali regna il maestoso Duomo di San Giorgio, massima espressione del barocco ibleo.
La ricchissima architettura in pietra locale calcarea assume la forma di volute, di vuoti e di pieni, di colonne e capitelli, di statue e di decorazioni di vario tipo.

Ritorno in agriturismo e pernottamento.

5° GIORNO

Visita all’oasi di Vendicari e pranzo in un ristorante bio.

La riserva naturale orientata “Oasi Faunistica di Vendicari” è stata istituita nel 1984 dalla Regione Siciliana. Si trova precisamente tra Noto e Pachino (provincia di Siracusa) con un territorio che si estende per circa 1512 ettari. All’interno della riserva di Vendicari, vive indisturbato un intero ecosistema. Frequentemente vi ritroverete davanti a paesaggi mozzafiato, vegetazione fitta che si apre improvvisamente a un mare cristallino, a spiagge lunghissime e dorate, che in poche centinaia di metri diventano rocce a strapiombo su un mare profondo.
La più bella e visitata costruzione della Riserva di Vendicari rimane La Torre Sveva, costruita probabilmente da Pietro d’Aragona, conte di Alburquerque e duca di Noto (1406-1438). Di recente costruzione, ma non per questo meno affascinate, è la Tonnara di Vendicari: detta anche Bafutu, venne costruita nel Settecento in seguito al grande incremento che in Sicilia si era avuto nella concessione di tonnare. L’attività della Tonnara è stata facilitata dalla presenza delle saline, le prime risalenti già in epoca greca. Alternando periodi floridi a periodi di chiusura, la tonnara fu completamente ristrutturata nel 1914, grazie al supporto economico di Antonino Modica Munafò, nobile di Avola. Nel 1943, dopo lo sbarco degli alleati, anche per un’insufficiente resa economica del commercio del tonno, la tonnara ha definitivamente cessato la sua attività. Oggi rimane una testimonianza unica e affascinante dell’antica tradizione siciliana della pesca e della lavorazione del tonno.

Pranzo nella meravigliosa cornice della Riserva Naturale Orientata di Vendicari dove, all’interno di due graziosi bagli di antica costruzione e’ situato un ristorante bio che serve ottime birre di produzione propria.

Menu 1 € 30
Menu 2 € 25

6° GIORNO

Giornata all’azienda agroittica Macrostigma. Qui si potrà praticare pesca sportiva

pesca

…e prendere parte ad una lezione di cucina

corso di cucina

7° GIORNO

Visita di Noto

Noto è considerata un vero e proprio gioiello dell’architettura barocca settecentesca.La città originaria, la Noto antica, sarebbe nata da un antico nucleo fondato dai Siculi nel IX sec. A. C., al riparo dalle incursioni greche,sull’altopiano ibleo dell’Alveria. Qui rimase fino al terremoto del 1693 dopo il quale fu ricostruita ex novo sul Colle Meti. L’attuale Noto sorge a 15 km dall’antica, in una posizione più avanzata rispetto al mare, e gode di un ampio panorama sulla costa ionica.Il fulcro della città è il Corso Vittorio Emanuele con le sue splendide chiese, Piazza XXX Ottobre dove è possibile ammirare l’ampia scalinata della Chiesa di San Francesco all’Immacolata del Sinatra affiancata dal Convento del Santissimo Salvatore.Il Museo Civico annesso al convento riunisce le testimonianze raccolte a Noto Antica, tra cui i reperti del santuario dedicato a Demetra, dea greca della fecondità della terra adorata negli antichi insediamenti rupestri. Sulla Piazza del Municipio si affaccia la Cattedrale, ultimata nel 1770 probabilmente su progetto del Gagliardi. Di fronte alla Cattedrale si erge Palazzo Ducezio, sede del Municipio, dalle forme classicheggianti, anch’esso del Sinatra.
Tra i palazzi più importanti è opportuno citare il Palazzo Nicolaci Villadorata, tipico esempio di residenza nobiliare siciliana.

8° GIORNO

Trasferimento in aeroporto e fine dei servizi

Recensione del cliente

5 stelle 0 0 %
4 stelle 0 0 %
3 stelle 0 0 %
2 stelle 0 0 %
1 stella 0 0 %

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “CAVA D’ISPICA, CITTA’ DI MODICA, CAVA PRAINITO, CITTA’ DI ROSOLINI, CITTA’ DI ISPICA, CAVALCATA (7 NOTTI – 8 GIORNI)”