CAVA DEL PRAINITO

Descrizione generale della cava
La Cava del Prainito, ubicata nel territorio del Comune di Modica e Rosolini, rientra nel bacino idrografico del fiume Tellaro, costituendone un affluente sinistro. Partendo da c.da Favarotta e fino alla confluenza con il Tellaro, la valle si estende nella fascia di longitudine  est 14° 52’ 40” – 14° 57’ 45” e in quella di Latitudine nord 36° 54’ 10” – 36° 52’ 13”. L’incisione valliva è delimitata nella parte nord-orientale dagli areali di c.da Favarotta, Campisi, Monte Grotte, il Prainito,  e nella parte sud-occidentale dagli areali di c.da Favarottella, Cammaratini, Mandra Vecchia. B. della Gisira. Si snoda per circa 13 km, con andamento all’incirca nord-ovest/sud-est,  partendo da C.da Favarotta  a quota di circa 315 m slm, quindi approfondendosi via via fino a confluire nella vallata del Fiume Tellaro a quota di circa 90 m slm.
Aspetti geologici
Aspetti idrogeologici
Aspetti geomorfologici e carsici
Aspetti naturalistici
Aspetti archeologici

mappa-cava-paradiso

Legenda
Descrizione del percorso

Venendo  da Ispica, lungo la SS. 115, si oltrepassa Rosolini, dopo circa 3 Km, al bivio Frigintini- Modica si svolta sulla   sinistra per la SP.17 Ritillini-Favarotta. Venendo da Siracusa, lungo la S.S.115, dopo Noto,  a circa 3 Km da Rosolini si gira a destra  al bivio Frigintini-Modica sulla S.P.17 Ritillini Favarotta. Dopo  circa 7 Km  si giunge alla Cantina Giasira. Qui lasciato  il mezzo di trasporto, si imbocca una trazzera comunale posta sulla sinistra della strada, percorribile a piedi. Dopo circa 800 m di tornanti  sarà un continuo ammirare un luogo incantevole per la cui bellezza  è stato dato il nome di Cava Paradiso. Lungo questo percorso sarà possibile osservare le singolarità naturalistiche quali karren, vaschette di soluzione, scannellature carsiche e molto altro, riportate nell’allegata mappa.

Difficoltà e durata
Percorso di media difficoltà di durata media di circa 3 ore

 

Galleria fotografica